lunedì 28 marzo 2016

Fino a quando chiuderemo gli occhi?


Fino a quando continueremo a tollerare pazientemente la cecità e le menzogne di coloro che non vogliono riconoscere che siamo immersi totalmente in una guerra e che questa guerra non è dovuta semplicemente a conflitti economici e politici o al preteso sfruttamento che l’Occidente starebbe esercitando sui popoli degli altri continenti, ma anche e soprattutto a una radicale incompatibilità di religioni, culture e modi di vita.
Credo che quello che sta accadendo in questi anni tragici costituisca il più evidente fallimento della cultura cosiddetta progressista, che è, in realtà, una cultura della resa e della sistematica denigrazione della nostra civiltà, una cultura che, anche quando opportunisticamente si accosta al cristianesimo, lo disintegra alla radice, perché lo trasforma in un vago e velleitario umanitarismo, pronto ad ogni cedimento nel patetico tentativo di sottrarsi a quella guerra che si combatte non solo in Africa e in Asia, ma è già presente nelle nostre strade.
A nessuno (a meno che non sia uno psicopatico) piace la guerra in se stessa, ma le guerre ci sono e continueranno ad esserci, il male è in mezzo a noi va riconosciuto, solo il coraggio di guardare la realtà per quello che è può forse aiutarci a prendere quei provvedimenti anche duri che s’impongono non solo per la tutela delle nostre vite, ma anche per la salvaguardia delle nostre ragioni di vita. 
Le libertà di cui godiamo non sono gratuite, hanno un prezzo che bisogna pagare se le vogliamo conservare, il tempo del progressismo è scaduto, lo stesso cristianesimo è una dura milizia quotidiana, non una melassa dolciastra fatta di solenni dichiarazioni su una fratellanza che gli altri rifiutano e irridono.

Nessun commento: