sabato 10 febbraio 2018

Votate per Concetta Cirigliano Perna alla Camera e per Paula Marcolin al Senato

 Concetta Cirigliano Perna alla Camera 
  Image result for concetta perna


Paula Marcolin al Senato
 Image result for paula marcolin


C’e’ grande fermento anche all'estero per “acchiappare” una poltrona. Questa e' la quarta tornata elettorale che "subiamo". Alle precedenti elezioni del 2006, 2008 e 2013 ne abbiamo viste di tutti i colori: dalle “strane” candidature, alla “compravendita” delle schede elettorali, all'accaparramento delle schede da parte delle solite note "centrali" ed altre numerose irregolarità'. Tutto questo sarebbe dovuto bastare per annullare questa “vergogna” che disonora noi italiani all'estero e l’Italia. L’altra ragione per cancellare questa indecorosa “farsa” e’ che, dopo 12 anni, abbiamo toccato con mano che, i cosiddetti 18 rappresentati degli italiani all'estero (12 deputati e 6 senatori), si sono fatti esclusivamente i “casi” loro. Zero benefici per noi. Li ho sempre considerati dei “vincitori della lotteria”. Essere stati eletti per loro e’ significato “fama” e “denaro”. Tanti soldi che se, per alcuno, avessero continuato nelle loro abituali professioni, non sarebbero stati sufficienti neppure “cent'anni” per accumulare quanto hanno incassato in 12. Uno stipendio mensile di un parlamentare equivale, più' o meno, ad una annualità' di un normale stipendio. Per cercare di eliminare le irregolarità' passate questa volta (quanto pare!!) ci saranno maggiori controlli e chi venisse colto in fallo se la passera' brutta! Staremo a vedere. Forse i provvedimenti fungeranno un po’ da deterrente e, probabilmente, la percentuale dei votanti sara' molto al di sotto del solito 39%. Se non decideremo di astenerci dal voto, volendo o no saremo costretti a votare per uno dei candidati in lista perche’ due di loro veranno sicuramente eletti anche se con pochi voti. Per chi votare? Per la persona o il partito? Premesso chi verrà' eletto sara' comunque un "signor nessuno", sia nel suo partito e sia nel parlamento italiano, la nostra scelta dovrà' premiare la persona che potrebbe meglio rappresentarci. Sono sempre appartenuto a Forza Italia, ma anche questa volta, le scelte del coordinatore estero di FI, Senatore Vittorio Pessina, sono state errate come furono quelle dei suoi predecessori. Anni a dietro, ho avuto modo di valutare Ernesto Marciano' di Perth, posso affermare che e’ "deleterio" per FI, Centrodestra, averlo messo in lista. Non ha senso che gli altri candidati di FI e Lega risiedono fuori dell'Australia dove c'e' piu' dell'80% dei votanti. Conosco Francesco Pascalis. Nel 2006 era candidato con il Centrodestra ed ora si presenta con il PD. E' vero che "solo i geni e gli idioti non cambiano mai opinione".  Francesco Giacobbe ha un record: come Presidente dell'Italian Forum di Leichhardt, era riuscito a portarlo sull'orlo del fallimento. Gli chiesi, più' volte, di sostenermi per risolvere il caso Valentino Del Favero (la storia e' nel mio blog: www.itamondo.blogpot.com) ma e' sempre stato prodigo nel trovare "scuse" per “dileguarsi”. Il caso l'ho risolto da solo dopo 16 intensi mesi di lavoro affrontando costi finaziari personali. Ho fatto una critica a Giacobbe sul suo profilo "Facebook", ma l'ha subito cancellata. Gli ricordavo che non doveva vantarsi per l'approvazione dello stanziamento di 200.000 Euro per i Comites e 400.000 per il CGIE quanto questi "organi", che si “spacciano” di rappresentare noi italiani all'estero, in circa 20 anni hanno speso oltre 100 milioni di Euro "esclusivamente" per viaggi di piacere in tutto il mondo dei suoi componenti. ZERO benefici per noi all’estero. Avete poi notato la "prosopopea" e l'atteggiamento “vanitoso” di Francesco Giacobbe? Si "atteggia" come fosse un “vero” Senatore!! Negli ultimi mesi non manca ad una festa e a una riunione. No conosco gli altri candidati in lista esclusa Concetta Cirigliano Perna con la quale ho avuto il piacere in passato di scambiare alcune e-mail. Ho sempre seguito la sua attivita' di Presidente dell'Associazione Nazionale Donne Italo-Australiane fondata da Franca Arena. Per rispondere alla domanda per chi votare per il partito o per la persona, la risposta e' che dobbiamo votare per la persona che possa meglio rappresentarci. Per questo dovremmo votare Concetta Cirigliano Perna per essere sicuri che avremo inviato nel Parlamento italiano una donna di cui essere orgogliosi e che sapra' rappresentarci degnamente oltre che fattivamente. Ovviamente non potra' incidere nella politica italiana anche perche', il partito che l'ha candidata (Liberi e Uguali), politicamente non conta e non contera' nulla.  Concetta Cirigliano Perna  per la sua intelligenza e l’esperienza nel campo sociale e non solo, potra' sicuramente essere utile per risolvere alcune problematiche che interessano esclusivamente noi italiani all'estero, primo su tutti portare aiuto concreto e conforto agli anziani abbandonati. Non conosco Paula Marcolin di Melbourne, ma noto che le sue referenze ed esperienze sono simili a quelle di Concetta Cirigliano Perna. Se eleggeremo entrambi, agirebbero unite  a favore degli italiani residenti nella IV circoscrizione estera. E’ risaputo che le donne sono molto piu' sensibili ai bisogni umani, sono molto piu' determinate e concrete degli uomini che sono piu’ vanitosi e badano piu' all'apparenza che alla sostanza. Se vogliamo essere degnamente rappresentati nel Parlamento italiano e sentirci orgogliosi, votiamo alla Camera Concetta Cirigliano Perna e al Senato Paula Marcolin entrambi candidate dal Partito “Liberi e Uguali”. Non votiamo il partito ma le sue CANDIDATE 

Nessun commento: